Grillo e Saviano

E io so pure perché, Vieni via con me, sia criticato da molti.
Per lo stesso motivo per cui il potere non lo sopporta. Perché rompe un muro di gomma – quello dell’elitarismo della tv “fatta a sinistra” che fa audience.
 
Il che sembra essere una buona ragione per dare a tutti, ma proprio a tutti, persino ad Aldo Grasso, che oramai scrive le stesse scemenze da almeno quindici anni, la stura per criticarlo.
Perché, fateci caso, finché un programma come “Vieni via con me” va in seconda serata, lo guardano i soliti quattro gatti e rimane relegato nell’alveo comodo (e inutile) delle trasmissioni cosiddette di culto, ecco che nessuno si preme di ricordare a tutti che la Endemol è di proprietà di Berlusconi (che poi non è vero, perchè se ragioniamo così allora Berlusconi è pure il proprietario di LA7)
 
Se invece fa ascolti record, si dice dieci milioni per l’ultima puntata, allora ecco che tutte le anime belle, devono dire la loro e criticare.
 
Fateci caso soprattutto a sinistra, perché in particolare è un vizio della sinistra italiana quello di aver maturato questo rapporto di insofferenza verso il successo che deriva dalla televisionie che è, ricordiamocelo, il più potente mezzo di espressione di cultura popolare e di massa che abbiamo a disposizione. Due secoli fa, in Russia, molto prima della televisione,  c’erano le gazzette dove venivano pubblicati i romanzi a puntate. Gli intellettuali le snobbavano ma poi finì che iniziarono a scriverci gente come Dostojevski e le cose cambiarono. La TV da noi è vista come una specie di peccato originale da cui bisogna emendarsi facendo roba noiosa o snobbando quello che piace alla stragrande maggioranza degli italiani (e non) che poi sono gli stessi che vanno a votare.
 
E non si capisce (o forse si capisce troppo bene) perché dia fastidio a tanti il successo di Vieni Via Con Me. Si capisce (o forse no) dal fatto che se allo stesso orario de “Il Grande Fratello” Fazio manda la registrazione dell’esplosione della bomba a Brescia e dice anche ai ragazzini che nel 1974 non erano ancora nati: “guardate, in Italia, nel 1974 è esplosa una bomba messa dai fascisti e sono morte persone innocenti ma ad oggi non abbiamo ancora un colpevole”…ecco se Fazio fa questo, se Saviano parla di monnezza alle nove di sera in un modo che pure “La casalinga di Voghera” possa capirlo e fa dieci milioni di ascolti, allora scatta quasi un riflesso pavloviano, bisogna fargli le pulci, sottolineare che non lo si trova un programma superlativo.
 
E chi se ne frega se è superlativo. Sarà certo meglio dell’enorme marea di scemenze che uno si deve sorbire in prima serata, inclusi le fiction boiata dove la società italiana viene rappresentata come un quadretto di stereotipi, dove gli extracomunitari sono tutti simpatici guasconi integrati. Quelle di cui – giuro! – Aldo Grasso ha scritto pure bene.
 
Poi, visto che ci siamo, parliamo pure un pò di strategia. Come diceva giustamente il Sen. Micheloni durante il nostro incontro, non è che tutte le “casalinghe di voghera” navighino in Internet dalla mattina alla sera. Se vogliamo catturare l’interesse al dibattito politico e sociale di questa larghissima parte dell’ “opinione pubblica” italiana, allora – cacchio – bisognerà pure utilizzare i canali e i linguaggi che usa per informarsi. E il più prominente rimane proprio la TV.
 
Per questo “Vieni Via Con Me” è un’esempio fondamentale di prodotto televisivo fatto decentemente, che parla a una maggioranza di persone che quel mezzo e quel linguaggio, se lo sorbiscono da cinquant’anni. Per questo fa incazzare Feltri e i suoi accoliti. Anche per questo viene oggi a tutti in mente che la Endemol sarebbe di Berlusconi, persino al “Craxiano” Minoli che fra le altre cose produce le fiction dove la Sicilia viene rappresentata come una cartolina
 
Grillo dovrebbe sciacuqarsi la bocca prima di parlare di Saviano e secondo me dovremmo finirla, una volta e per sempre, di considerare un imbonitore fascistoide come un nostro antagonista a sinistra. E’ quello che è: uno che ha avuto un paio di idee interessanti e che poi ha preso una deriva razionaria. Si sta avviluppando nella sua stessa involuzione. Oramai spara su tutti. Per lui Vendola e Berlusconi sono la stessa cosa (e se non è qualunquismo questo, orcoggiuda!). Offende la nostra intelligenza un giorno  si e l’altro pure. Io non sono pdmenoelle o tutte quelle altre cazzate lì che scrive sul suo blog. E non lo siete nemmeno voi. Non lo sono nemmeno le casalinghe di Voghera, quelle con cui – ripeto – dobbiamo dialogare se vogliamo provarci a proporre un’alternativa alla società italiana. Parliamo con loro e convinciamole che è meglio per tutti non avere la mafia e farsi fare lo scontrino fiscale quando si compra qualcosa. Grillo lasciamolo stare. Fra un pò, vedrete, finirà per mandare a fanculo se stesso.

Giuseppe Izzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...